Lavoro Hong Kong – Vivere a Hong Kong

Lavoro Hong Kong – Trovare lavoro a Hong Kong & adempimenti burocratici

Lavoro Hong KongIn questo articolo spiegherò i principali aspetti da tenere in considerazione quando si cerca lavoro a Hong Kong. Fornirò inoltre alcune dritte su come fare domande di lavoro efficaci, al fine di ottimizzare le possibilità di venire assunti. Posterò inoltre una lista di siti di lavoro utili per italiani.

 

Lavoro Hong Kong – La questione del visto

Ho dedicato un intero articolo all’ottenimento del visto per Hong Kong, e lo potete trovare cliccando qui. Ad ogni modo riassumerò la faccenda brevemente qui di seguito. Per lavorare ad Hong Kong come cittadino italiano, la soluzione più semplice è il training visa, che ha validità massima di un anno e poi deve venire rinnovato. Per il suo ottenimento è necessario avere un contratto di lavoro firmato. Inoltre, la persona richiedente il visto dovrà compilare un modulo denominato ID992A, mentre l’azienda datore di lavoro deve compilare il modulo ID992B.

Per facilitare il processo di acquisizione del visto, esistono agenzie che si occupano degli aspetti burocratici. Sarà quindi sufficiente ottenere un’offerta di lavoro e poi appoggiarsi ad una di queste nel caso il datore non sappia bene come muoversi. Per trovare queste agenzie è sufficiente digitare qualcosa come “Hong Kong visa agency” su Google e i primi risultati dovrebbero essere d’aiuto.

Lavoro Hong Kong

Lavoro Hong Kong – No ai lavori non specializzati

A differenza di Londra e l’Unione Europea in genere, è molto difficile (se non quasi impossibile) emigrare ad Hong Kong e “trovare un lavoretto” per arrangiarsi. A meno che non ci sia un livello di elevata specializzazione, è improbabile recarsi ad Hong Kong per fare ad esempio il cameriere. Nel mio caso specifico, per la domanda del visto training mi sono stati richiesti i titoli di studio, e se non avessi avuto la laurea, la domanda mi sarebbe stato negata.

Ci sono persone che “aggirano” questi vincoli arrivando come turisti e lavoricchiando a nero, ma lo sconsiglio vivamente in quanto le conseguenze legali sono abbastanza severe. Inoltre, un evento negativo di questo genere comprometterebbe la possibilità di ottenere visti (anche turistici) in futuro per altri paesi.

Lavoro Hong Kong – Motori di ricerca di lavoro

Oltre a ricercare aziende operanti nel tuo settore singolarmente sui relativi siti web, spesso sono utili anche i motori di ricerca di lavoro. In questo articolo troverai validi consigli per trovare lavoro (a Londra), ma una buona parte delle informazioni è valida anche per Hong Kong e questa sezione dell’articolo. I siti più efficaci sono i seguenti:

Lavoro Hong Kong

Lavoro Hong Kong – Requisiti Linguistici

Dal punto di vista lavorativo l’inglese è strettamente necessario ma non sufficiente. Spesso è richiesto il mandarino (a causa dei forti contatti commerciali con la Mainland China), ed il cantonese che è la lingua ufficiale di Hong Kong. Poi ovviamente dipende dalla tipologia di lavoro che si sta cercando. Nel caso di un programmatore ad esempio, probabilmente l’inglese potrebbe bastare. Inoltre bisogna considerare se si intende lavorare per una azienda locale o internazionale. Spesso l’inglese è abbastanza se si lavora verso mercati europei e Stati Uniti (io non parlo né il cantonese né il mandarino, e per i clienti in Cina la mia azienda ha un paio di dipendenti madrelingua).

Lavoro Hong Kong – Conto corrente e salari Hong Kong

Conto corrente: Una buona notizia è che anche senza un visto lavorativo è potenzialmente possibile aprire un conto corrente Ovviamente è meglio se in possesso del visto). Ogni banca ha le sue regole, ma in linea di massima è sufficiente una carta firmata dal datore di lavoro dove si certifica l’indirizzo di permanenza del richiedente del conto. Questo è il sito della HSBC per Hong Kong, mentre questo è per la citibank. Dateci un’occhiata per aggiornamenti su condizioni e termini per ottenere un conto.

Salari ad Hong Kong: Questo tema è un po’ più delicato e ovviamente dovreste far riferimento alla vostre specifica azienda e contratto di lavoro. Ad ogni modo, per avere un ordine di grandezza, un impiegato in una multinazionale di grandi dimensioni può avere un salario che oscilla tra i 15000HK$ e 40000HK$ al mese. Il tutto dipende dalla posizione occupata nell’azienda, e altri aspetti che magari non ho considerato. Non è da escludere infine che si possa sforare questi limiti esemplificativi che ho appena proposto.

Lavoro Hong Kong – Come trovare lavoro a Hong Kong

Questo tema meriterebbe un articolo per conto suo, ma cercherò di dare brevemente alcune dritte. Innanzitutto, il primo consiglio che mi sento di dare è aggiornare il proprio CV ed adattarlo ad ogni domanda di lavoro che si intende fare. Il processo è più lungo rispetto ad avere un singolo CV e spedirlo a molte aziende, ma la personalizzazione incrementa le opportunità di un colloquio.

Se si fa domanda per una posizione di marketing ad esempio, consiglierei di mettere in evidenza esperienze nella vendita e adattarle allo stile dell’azienda per cui si fa domanda (questo ovviamente implica che bisogna anche fare delle ricerche sull’azienda stessa).

Attivarsi su Linkedin. Avere un profilo linkedin coerente col proprio CV è una carta vincente in quanto sul CV lo spazio è limitato, mentre su Linkedin è possibile espandere il proprio ventaglio di esperienze e dimostrare il valore effettivo che potrete apportare all’azienda. Se riuscite ad attirare l’interesse del datore, molto probabilmente Linkedin sarà una delle prime cose che verrà valutata dopo il CV.

Evidenziare i propri punti di forza. Ognuno ha qualche forma di talento, o ha ottenuto degli eccellenti risultati in passato. Sfruttate questi assets (es. voto di laurea, tirocini, esperienze di lavoro, corsi e/o certificazioni rilevanti per il vostro settore).

Cover letter e referenze. Non mi addentrerò molto nei meandri di questi temi in quanto la rete è stracolma di informazioni al riguardo. Ad ogni modo, come per il CV, mi sento di consigliare un aggiornamento continuo anche della cover letter, adattandola all’azienda per cui si sta facendo domanda. Consiglio inoltre di rivolgervi ad un precedente datore di lavoro (o relatore di tesi) per farvi scrivere una lettera di referenza sul modello anglosassone. Aldo Mencaraglia è uno dei migliori esperti nel settore, vi rimando al suo sito per informazioni utili a tal riguardo.

Ho girato un breve video che vedrete qui di seguito, sotto al video ulteriori link ed informazioni, non dimenticatevi di condividere l’articolo e seguirmi sui social media che trovate qui a lato.

lavoro hong kong

lavoro hong kong

lavoro hong kong

lavoro hong kong

lavoro hong kong
Posted in Hong Kong, visto hong kong, Vivere a Hong Kong | Tagged , , , , , , ,

Vivere a Hong Kong – 7 motivi per vivere a Hong kong

Vivere a Hong Kong – 7 motivi per vivere a Hong Kong

Hong Kong By Nicht

In quest’articolo fornirò sette ragioni per le quali vivere a Hong Kong può considerarsi una scelta strategica. La lista deriva da esperienza e vicende personali, non necessariamente valide per tutti. Spero vi la troviate utile.

 Vivere a Hong Kong: motivo 1) Il cibo

Dal punto di vista culinario Hong Kong ha veramente molto da offrire. Dalle cucine asiatiche alle occidentali si trova veramente di tutto. E anche per chi ha un budget più ridotto può comunque godere di un’ampia scelta. Per avere un ordine di grandezza, si può benissimo mangiare un primo piatto locale con 35$ (click qui per info sulla moneta hong kong). Ovviamente è possibile anche ricercare ristoranti di nicchia e spendere molto di più. Facendo comunque un paragone con l’Europa direi che mediamente costa meno che in Italia, e molto meno rispetto a Londra.

Vivere a Hong Kong: motivo 2) Posizione geograficaNatura Hong Kong

Hong Kong risulta senz’altro una meta appetibile per chi è appassionato dell’Asia e viaggiare, in quanto con due/tre ore di volo è possibile raggiungere mete esotiche come Thailandia, India, Giappone, Corea, Vietnam, Filippine, Malesia, Taiwan, Singapore e molti altri paesi.

Vivere a Hong Kong: motivo 3) Lavoro

Dopo New York e Londra, Hong Kong è la terza città finanziariamente più sviluppata al mondo. Con una cultura molto più occidentale delle sue sorelle asiatiche (dovuta alla colonizzazione britannica), Hong Kong è il perfetto collegamento tra occidente ed oriente. Posizionata infatti tra diversi mercati emergenti in forte espansione come Cina e India, ma dotata allo stesso tempo di un sistema legale di tipo anglosassone ed un regime fiscale estremamente favorevole, Hong Kong è senza dubbio una strategica location per imprese, investitori ed aziende straniere.

Vivere a Hong Kong: motivo 4) Regime fiscale

Ad oggi (ottobre 2015), il singolo imprenditore ha un carico fiscale del 15%, mentre una società paga il 16.5%. Scriverò un altro articolo collegato a questo tema più avanti, per ora rinvio a questo link per chi volesse maggiori informazioni.

Vivere a Hong Kong: motivo 5) Mezzi Pubblici

Ho vissuto alcuni anni a Londra e senza dubbio il trasporto pubblico londinese è molto efficiente, ma devo dire che Hong Kong non è da meno. Infatti il servizio MTR è estremamente puntuale, i treni sono spaziosi e sempre in orario. Le stazioni sono grandi e tutto è estremamente pulito (cosa non sempre vera a Londra). E mentre un abbonamento per i mezzi a Londra mi costava 200 euro al mese, qui viaggiare un mese mi costa poco meno di 50 euro. Stiamo parlando del quadruplo!!

Vivere a Hong Kong: motivo 6) Mare e spiagge

Nonostante l’elevata densità della popolazione, Hong Kong è costellata di Spiaggia Hong Kongspiagge cristalline, parchi naturali e colline ricche di arbusti. Hong Kong si affaccia sulla costa per la maggior parte del suo perimetro, ed è circondata da più di 200 isole.

Inoltre, ad eccezione di alcuni brevi giorni invernali, il clima mite è tale da potenzialmente essere in grado di fare il bagno tutto l’anno. Nella foto qui a sinistra Tai long wan, una delle tantissime spiagge a Hong Kong.

Vivere a Hong Kong: motivo 7) Cultura e vitalità

Hong Kong è una città ricca di storia, etnie, luoghi di culto, eventi e manifestazioni (ai quali metto un link qui). Ad Hong Kong non ci si annoia mai. Dai massaggi orientali, alle esperienze culinarie, passando per il Victoria Peak, il porto, e la vicinanza con la Cina e la sua storia millenaria. In realtà c’è sempre qualcosa da vedere o fare, spesso dietro casa. Ad Hong Kong infatti non sei quasi mai a più di mezz’ora da dove devi andare.

Qui sotto un breve video che sintetizza quanto appena discusso, spero vi sia stato utile. Sotto al video altri link ai social. Non dimenticarti di condividere!

vivere a Hong Kong

vivere a Hong Kong

vivere a Hong Kong

vivere a Hong Kong

vivere a Hong Kong

 

Posted in Hong Kong, visto hong kong, Vivere a Hong Kong

Valuta Hong Kong – Vivere a Hong Kong

Valuta Hong Kong – Dollaro di Hong Kong e cenni storici

1$ di Hong KongQuesto articolo è focalizzato sulla storia della valuta di Hong Kong, se ti interessa di più vedere le monete e banconote e scoprire fatti di attualità sulla moneta, ti rimando all’articolo con video che puoi trovare cliccando qui.

Nel 1841 al porto di Hong Kong venne concessa libertà di scambi e commercio. All’epoca non esisteva una valuta locale, ed i commercianti scambiavano moneta di altre nazioni, come ad esempio la rupia indiana. La situazione si posizionò sul sistema del dollaro spagnolo, collegato all’andamento del prezzo dell’argento.

A partire dalla seconda metà del XIX secolo, l’Inghilterra tentò di coniare monete da un dollaro, e mezzo dollaro d’argento per cercare di agganciarsi al sistema argenteo del dollaro spagnolo. Questo tentativo non venne ben accolto dalla popolazione locale e nel 1868 la zecca che coniava queste monete venne chiusa ed in seguito venduta ai giapponesi. Nello stesso periodo, le banche coloniali HSBC e chartered bank iniziarono a circolare con maggior successo

Valuta Hong Kong – La crisi dell’argento del 1873 e fine secolo

Nel 1873 la crisi internazionale dell’argento portò diverse valute, tra le quali il dollaro di Hong Kong al collasso. Verso fine secolo i britannici coniarono il British trade dollar per contrastare il problema.

Valuta Hong Kong – Il novecento

Nel 1935 Hong Kong e la Cina erano rimasti gli unici due Paesi collegati al sistema del dollaro argenteo. Poco tempo dopo, nello stesso anno entrambi abbandonarono il suddetto sistema e si agganciarono alla sterlina britannica con un cambio uguale a 1£ = 15.36$ a 16.45$.

Durante la seconda guerra mondiale i Giapponesi occuparono Hong Kong, e per alcuni anni la valuta di Hong Kong fu collegata al valore dello Yen. il 6 settembre 1945 a guerra finita tutti gli Yen vennero dichiarati privi di valore ed il dollaro di Hong Kong venne riagganciato alla Sterlina Britannica con un cambio pari a 1£ = 16$.

Nel 1967 la sterlina si svalutò, ed alcuni anni dopo, nel 1972 il dollaro di Hong Kong venne agganciato al dollaro statunitense.

Dal 2005 ad oggi è stato introdotto una nuova banda per il dollaro di Hong Kong, dove 1USD può essere pari all’intervallo 7.75 – 7.85 dollari di Hong Kong.

Ho girato un breve video relativo alla storia della valuta di Hong Kong che potete trovare qua sotto. Sotto al video inoltre ulteriori link ed info utili.

Valuta Hong Kong

Valuta Hong Kong

Valuta Hong Kong

Valuta Hong Kong

Valuta Hong Kong
Posted in Hong Kong, Vivere a Hong Kong | Tagged , , , , , , , , , ,

Moneta Hong Kong – Vivere a Hong Kong

Moneta Hong Kong – Valore e curiosità

Moneta Hong KongLa moneta ufficiale ad Hong Kong é il dollaro di Hong Kong, abbreviato come HKD oppure HK$. Fino al 1971 il dollaro di Hong Kong era agganciato alla sterlina britannica, ma a partire dal 1972 la moneta è stata subordinata all’andamento del dollaro USA, e a partire dal 2005 è stato stabilito il tasso di cambio HKD/USD pari a 7.75, ovvero 1USD=7.75HKD. Di conseguenza l’economia di Hong Kong è in buona parte influenzata dall’andamento economico e dalla politica monetaria degli Stati Uniti.

Moneta Hong Kong: le banche private possono stamparla

Una caratteristica del tutto peculiare relativa alla moneta di Hong Kong è l’ente che stampa le banconote. Si tratta infatti di tre banche private, rispettivamente:

  • HSBC (Hong Kong & Shanghai Banking Corporation),
  • Standard Chartered Bank
  • e Bank of China.

Ogni banca ha un proprio design delle banconote che le contraddistingue dalle altre. Inoltre, il nome della banca che le ha stampate appare sulla banconota stessa.
Banconota 100$ HSBCNell’immagine qui a sinistra un esempio di quanto appena spiegato. Prestando attenzione all’angolo in basso a destra dell’immagine è possibile notare il logo e nome della banca HSBC.

Ovviamente vale un discorso analogo per la Standard Chartered e la Bank of China.

L’emissione di moneta non avviene comunque in modo casuale, bensì è controllata dall’HKMA (Hong Kong Monetary Authority), o autorità monetaria di Hong Kong che de facto opera come banca centrale.

Moneta Hong Kong: Ufficiale ad Hong Kong e usata a…

Il dollaro di Hong Kong è la tredicesima valuta più scambiata al mondo ed è la moneta ufficiale nella regione a statuto speciale di Hong Kong. Essa è però di fatto utilizzata anche a:

  • Macau: altra regione amministrativa speciale della Cina e poco lontana da Hong Kong.
  • Cina continentale: soprattutto nella regione cantonese (Guangdong) a confine con Hong Kong.

Moneta Hong Kong: Regina Elisabetta e tagli

Fino al 1997 Hong Kong era parte del Regno Unito ed è tuttora possibile trovare alcune monete in circolazione con la testa della regina Elisabetta sul retro (sì, come sui Penny in Inghilterra!). Ho scritto un altro articolo sulla storia del dollaro di Hong Kong che potete trovare qui. Il dollaro di Hong Kong è disponibile nei seguenti tagli:

Monete:

  • 10 cent
  • 20 cent
  • 50 cent
  • 1 dollaro
  • 2 dollari
  • 5 dollari
  • 10 dollari (meno diffuse)

Banconote:

  • 10 dollari
  • 20 dollari
  • 50 dollari
  • 100 dollari
  • 500 dollari
  • 1000 dollari (meno diffuse)

Nel video qui sotto una breve illustrazione delle varie banconote e monete per concretizzare quanto discusso finora. Sotto il video ulteriori link ed informazioni

Moneta Hong Kong

Moneta Hong Kong

Moneta Hong Kong

Moneta Hong Kong

Moneta Hong Kong
Posted in Hong Kong, Vivere a Hong Kong | Tagged , , , , ,

Visto per Hong Kong – Vivere a Hong Kong

Visto training Hong KongVisto Hong Kong: visto per Hong Kong (SAR)

Per questo articolo ho assunto che il lettore sia cittadino italiano senza altre nazionalità. Possessori di altri passaporti dovrebbero visitare questo sito. Relativamente alla permanenza ad Hong Kong è possibile suddividere la questione in tre diversi aspetti:

  • Visto per Hong Kong – Motivi turistici
  • Visto per Hong Kong – Lavoro/Training
  • Visto per Hong Kong – Investire e fare impresa ad Hong Kong

Hong Kong ufficialmente non è riconosciuto come un Paese autonomo, bensì una regione amministrativa speciale della Cina e a tal proposito l’ambasciata italiana di riferimento è quella di Pechino attualmente (settembre 2015) situata a:

2, San Li Tun Dong Er Jie – 100600 Beijing – CHINA
E-mail: ambasciata.pechino@esteri.it

Ad Hong Kong esiste comunque il Consolato Generale d’Italia, attualmente situato al seguente indirizzo:

Suite 3201, 32/F, Central Plaza Building, 18 Harbour Road, Wanchai

Veniamo ora ad analizzare i tre diversi aspetti del visto per Hong Kong menzionati sopra.

-Visto per Hong Kong – Motivi turistici

I cittadini italiani possono recarsi ad Hong Kong per motivi d’affari o turismo per una durata massima di 90 giorni senza bisogno di alcun visto. È sufficiente pertanto il passaporto in corso di validità. Ad ogni modo, consiglio di tenere d’occhio il sito ufficiale della Farnesina in quanto cambiamenti relativi al tema immigrazione sono sempre possibili.

-Visto per Hong Kong – Lavoro/Training

La situazione diventa più complessa quando si tocca il tema lavoro. La stragrande maggioranza delle persone che si vuole recare ad Hong Kong per motivi di lavoro lo può fare tramite il visto training. Il visto Hong Kong per training (o semplicemente training visa) viene mediamente processato in 2 – 4 settimane e richiede che il trainee sia sponsorizzato dalla società o azienda che lo assume. Il tutto deve essere supportato da un contratto di lavoro firmato da entrambe le parti. Inoltre, il richiedente dovrà compilare il modello ID992A mentre l’impresa sponsor deve compilare il modulo ID992B dove in pratica si deve giustificare il motivo per cui il lavoratore straniero debba venire assunto. Il training visa non può durare più di 12 mesi. In linea di massima quella sopra esposta è la procedura standard, ma queste informazioni potrebbero essere soggette a cambiamenti. Per questo motivo vi metto il link alla pagina ufficiale dell’immigrazione per Hong Kong che potete trovare cliccando qui.

-Visto per Hong Kong – Investire e fare impresa ad HK

Esistono diversi modi per ottenere un visto per Hong Kong con finalità di investimento. Nel caso il capitale disponibile sia maggiore o uguale a 10 milioni HKD (di dollari di Hong Kong), è possibile rientrare nel CIES, o capital investment entrant scheme. Il regolamento e la documentazione da presentare in questo caso sono abbastanza complesse, per questo motivo rinvio alla pagina ufficiale dell’immigrazione per Hong Kong.

Inoltre è possible ottenere un visto business se si volesse avviare un’impresa ad Hong Kong. In questo caso la documentazione da compilare sono i modelli ID999A ed ID999B. Sarà inoltre necessario dimostrare un business plan, a quanto ammonta l’investimento totale, quanti posti di lavoro si creeranno ed altre informazioni direttamente collegate al tipo di impresa che si vuole avviare. Anche per il business visa è necessario nominare uno sponsor che può essere sia una persona che un’azienda. Ogni caso ovviamente avrà delle diverse peculiarità, mi sento quindi di reindirizzare a questo link chiunque sia interessato al business visa per informazioni più dettagliate.

Ho anche girato un breve video per spiegare la questione visto per Hong Kong a voce. Inoltre, sotto il video qui presente ci sono ulteriori info e link.

Puoi trovare NicoLifeStyle e ulteriori informazioni utili anche sui social, e condividere cliccando sulle icone qua sotto

Visto per Hong Kong

Visto per Hong Kong

Visto per Hong Kong

Visto per Hong Kong

Visto per Hong Kong
Posted in Hong Kong, visto hong kong, Vivere a Hong Kong | Tagged , , , , , , ,

How living in London affects my income and savings


grafico spese ldnToday’s arcicle is meant to roughly give an idea on how high is the cost of living in London compared to your wage. If you can understand italian, I also wrote a similar arcticle for non specialized jobs (eg. waiter, barman). You can find it here.

Back to Our topic, as you can see (above) there’s a chart explaining how my personal wage is used. First and foremost, this relates to my personal experience, which means other people could have different results.

Those are the underlying assumptions of my model:

– I am a single male renting a room in a shared flat

– I use mainly buses because they are cheaper and I live close to my workplace

– I tend to limit my expenses (eg. compulsive shopping, clubbing etc). It doesn’t mean I don’t do that at all, but I don’t do it every week either.

In order to create this chart I calculated my expenses and income by keeping into account the average salary of the last three payslips. Also, I daily recorded all my payments on an excel file. The picture that comes out is the following:

-50% of my income is burnt by rent and transportation

-Another 20% relates to food I cook and eat out

-I can roughly save 25% of my wage

-The remaining 5% goes to fun and recreational activities

Hope you liked this post; if you want to get more of this stuff don’t forget to FOLLOW ME:

Also, share this arcticle if you found it valuable. You can find the facebook page here. Last but not least, type your email below here to subscribe

Talk to you soon, bye!

Posted in English Arcticles, londra | Tagged , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

A long term investment of 0.50£


WP_20140629_002[1]It was a cloudy day of june in Hackney, I was coming home from a Sunday brunch in central London and the sky was threatening a “waterbomb” of rain.

I remember I was whistling while absently walking towards my tiny flat when a little blonde girl (together with two other toddlers) stopped me saying something like: “excuse me Sir, do you want a drawing? it’s only 50p”.

This made me smile. They organized a nice display (probably with some mommy’s piece of furniture) of

paintings and they were trying to make some sales stopping every single person passing by. I was one of them.

Suddenly something hit my mind. That under my eyes was the “child version” of my purpose, my vocation, what I feel I’ve born to: business. I was about to get home, but I didn’t. I stopped and started talking to the little blonde girl. I asked: “well, if you want me to buy a drawing you should tell me which one is the best”. She answered: “I can’t really say, they are all the best. 50p please”.

The youngest one was silently but firmly pointing at one of the paintings instead. It was evident he wanted to say his drawing was the best.

I was delighted by those assertive behaviours. This little crew of small human beings at the beginning of their lives made me think. A part of me started thinking that I wanted to encourage and reward this idea.

I picked one painting and I bought it: 50p for me were nothing, but for them could be a lot. Not just in terms of mere money: what I really hope is that through my act I could actually affect their blank beliefs about business, because they are still young enough to be totally preconceptions free. Those 50p were meant to show that if they work hard and do things right they will get rewarded in life. I hope one of them in 20 years time maybe will remember about this stranger buying his or her drawing.

Maybe S/He will be a successful business person who will employ hundreds of people and give back a lot to the community. That’s the forecast for this 50p investment, and the risk is non existent.

Anyway, the drawing is the one at the top left side of this arcticle, I’ll keep it with me as a motivational tool and reminder of where I want to go in my life.

If you liked this arcticle you definitely should sign up here. Also, pay a visit to this page for similar stuff.

Talk to you soon, bye!

Posted in Altro, English Arcticles, londra | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment